"C'è la bellezza e ci sono gli oppressi.
Per quanto difficile possa essere,
io vorrei essere fedele ad entrambi"
Albert Camus

lunedì 2 luglio 2007

Virgilio Tosi

Virgilio è un rigoroso documentarista scientifico. Ha 82 anni, e la sua carriera di cineasta è stata segnata da due incontri felici: Cesare Zavattini prima e Joris Ivens poi. Il primo è stato un grande sceneggiatore del Neorealismo, mentre il secondo è uno dei più grandi documentaristi del ventesimo secolo. Virgilio Tosi ha avuto la fortuna di collaborare con entrambi.

Durante la sua lunga carriera Virgilio ha dedicato il suo impegno nelle ricerche storiche sulle origini scientifiche della cinematografia e ricerche sperimentali per studiare il linguaggio delle immagini in movimento attraverso la registrazione dei movimenti oculari, ha insegnato al Centro Sperimentale di Cinematografia ed ora insegna Storia e critica del cinema documentario anche alla scuola del documentario Zelig di Bolzano.

L'anno scorso in occasione di un seminario su come scrivere e presentare progetti documentaristici ai commission editors dei canali televisivi, ho conosciuto Virgilio il quale aveva il compito di seguire me e altri ragazzi nella stesura dei soggetti.

Sono passati molti mesi, io ho girato il mio documentario su Martha e gliel'ho inviato, lui mi ha risposto ieri con questa mail che mi piace pubblicare un po' perchè forse ho ancora bisogno di conferme e un po' perchè lui è una persona seria e molto gentile che in un ambiente chiuso come quello dei documentaristi italiani fa piacere segnalare.

Caro Giovanni,
grazie per l'invio del DVD. Ho visto con molto piacere, interesse ed emozione il tuo documentario. Hai fatto un bel lavoro, sei riuscito in un'impresa difficile, ricevi le mie vive felicitazioni. Hai dimostrato di sapere quello che volevi far vedere, dimostrare, documentare, dopo un lungo percorso di ricerca e di tentativi. Hai saputo scartare altre suggestioni e sei coerentemente andato per la tua strada, facendo un vero lavoro da regista documentarista che lavora sul materiale umano e ambientale che ha scelto e dal quale tira fuori quel che gli sembra essenziale esprimere. Sono soddisfatto di aver avuto l'occasione di darti una mano nel tuo lavoro di approfondimento e di ricerca. Auguro il miglior successo al documentario e sarò curioso di sapere, a tempo debito, quale sarà la tematica del tuo prossimo lavoro. Un caro saluto e un abbraccio, di nuovo, auguri,

Virgilio

2 commenti:

Antonella ha detto...

non potevi sperare in un riconoscimento migliore!

Anonimo ha detto...

tutto meritato.
b.bag